Birrificio Artigianale Veneziano (BAV) - Matrioska

9

Aspetto

8.1/10

Olfatto

9.2/10

Gusto

9.6/10

Totale

9.0/10

Top

  • Etilico ben attenuato
  • Corpo strutturato, ma beverino
  • Ottimo equilibrio

Flop

  • Aspetto non dei migliori
  • Bassa persistenza

Matrioska è una Russian Imperial Stout maturata in botti di whisky Ledaig per 5 mesi e prodotta dal Birrificio Artigianale Veneziano (BAV). Di questo birrificio avevamo già parlato in questo articolo con la recensione della loro Pumpkin Ale.
Per quanto riguarda la Matrioska, nonostante la sua elevata gradazione alcolica (10%), questa ha una straordinaria “bevuta” ottenuta grazie ad un’elevata attenuazione e grazie anche ad un ottimo equilibrio tra il malto e l’amaro, come vedremo nell’analisi gustativa.

Analisi visiva:

Si presenta con un colore scuro e nero impenetrabile. La schiuma è davvero lieve, evanescente e poco persistente. Il suo colore è tendente al marroncino. La grana è grossa.

Analisi olfattiva:

Intensità olfattiva: media.
L’aroma è maltato e leggermente etilico. I sentori sono chiari e ben distiniti, troviamo infatti i sentori legnosi e quelli del whisky dovuti all’affinazione in botte per 5 mesi di questa Imperial Stout. Si fanno poi sentire anche i sentori torrefatti (cioccolato e caffè su di tutti) dovuti ai malti utilizzati per la produzione e leggermente quelli floreali.
Persistenza olfattiva: quasi sfuggente.
L’olfatto è senza dubbio piacevole e non invasivo. I sentori descritti, prendono tutti forma man mano che la birra si scalda e raggiunge la sua temperatura ideale (sopra i 10°C) proprio come una matrioska che si apre e svela di volta in volta il pezzo nascosto.

Analisi gustativa:

Frizzantezza: praticamente assente.
Il corpo è strutturato, leggermente viscoso e anche beverino. Il gusto è prevalentemente dolce, ma non è assolutamente assente il luppolato come ci si può invece aspettare da una Imperial Stout. Al retrolfatto ritroviamo infatti il maltato, l’etilico, il miele e i sentori torrefatti, oltre a quelli del whisky e della liquirizia. Questi sono poi accompagnati da un leggero e davvero piacevole luppolato/erbaceo che piacevolmente equilibria questa Russian Imperial Stout.
Amarezza: leggera e non invasiva (50 IBU).
Persistenza retrolfattiva: medio-alta.

Giudizio complessivo

Matrioska, come lascia immaginare il nome stesso, è una birra piena di sentori e di sorprese che coinvolgono il bevitore in diverse fasi. Infatti pian piano che la birra si scalda emergono sempre più i sentori che tendono al torrefatto prendendo il posto di quelli, seppur leggeri, del luppolo. Bere questa Russian Imperial Stout è senza dubbio un’esperienza sensoriale da provare e da vivere appieno lungo tutta la sua durata. La sua lunga maturazione nelle botti di whisky si fa sentire sia all’olfatto che al palato con un etilico non trascurabile, ma che non pregiudica mai la bevuta restando davvero ben nascosto e attenuato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *